Post più popolari

lunedì 15 dicembre 2008

Un territorio vulnerabile

A seguito dei recenti eventi atmosferici che hanno interessato la nostra provincia abbiamo potuto constatare tutti come il nostro territorio geomorfologicamente variegato , nel corso degli anni ha subito delle trasformazioni di carattere antropico che hanno modificato le caratteristiche originarie . Tali trasformazioni, conseguenze non certo lungimiranti, nel senso che non venivano previste le ripercussioni a medio e lungo termine sull’ambiente naturale, hanno reso particolarmente vulnerabile tanto il territorio collinare del nostro comune quanto la pianura fino alla fascia costiera . In particolare per quanto attiene la collina gli sbancamenti , finalizzati all’apertura di strade il più delle volte inutili , gli incendi che si verificano con cadenza annuale e il pascolo selvaggio hanno causato conseguenze principalmente sul sottobosco. Inoltre, l’abbandono delle pratiche colturali che mediante l’esecuzione di terrazzamenti contribuivano a frenare il ruscellamento superficiale e dunque l’azione dilagante delle acque , ha determinato una ripresa dell’attività erosiva e della franosità a danno dei settori collinari con grosse portate d’acqua e detriti che giungono a valle . Questi ultimi vengono poi trasportati dai torrenti e più a valle dalle saje che a loro volta hanno subito delle opere di irrigidimento degli alvei con colate di cemento impedendo il naturale deflusso superficiale e sotterraneo delle acque.
Come conseguenza di tutto ciò si hanno grossi volumi idrici che le reti drenanti non riescono più a smaltire anche perché gran parte di superficie di potenziale assorbimento è stata impermeabilizzata dall’edificazione selvaggia ed indiscriminata nelle cosiddette fasce di rispetto . Infine, la costruzione di briglie nei settori montani e mediani dei torrenti , ha avuto ripercussioni anche nella fascia costiera la quale risulta soggetta a erosione per il mancato apporto dei detriti grossolani vitali per il naturale ripascimento delle spiagge .
Posta un commento